Leadership e l’esperimento della rana che bolle


by   |  LETTURE 188
Leadership e l’esperimento della rana che bolle

La verità su uno dei miei più grandi rimpianti nella mia carriera aziendale. A un certo punto, ero parte di un gruppo leadership dove l’impresa stava affrontando sfide molto importanti. I nostri precedenti due capi erano stati licenziati a 18 e 24 mesi l’uno dall’altro. Eravamo indietro in termini di competitività e innovazione. Avevamo grandi problemi con i fornitori che rendevano i nostri clienti insoddisfatti.

Il morale dei dipendenti era basso. Molti di noi erano nuovi e c’era mancanza di fiducia nel team .

Quando ripenso alla mia carriera, uno dei più grandi rimorsi è che non mi sono fatto avanti per fermare il problema. Non sono sicuro che avessi le capacità per farlo. Non sono sicuro che fosse compito mio. Ad un certo punto, il livello di fiducia era così basso, che non sono sicuro, mi importasse abbastanza. Facevo parte di quell’insidioso 30% che era disinteressato e di cui parlavano i sondaggi. Era un punto basso della carriera.

Cos’ha a che fare tutto ciò con una rana che bolle? C’è un affascinante esperimento scientifico del 19simo secolo. Come racconta la storia, i ricercatori hanno scoperto che quando mettevano una rana in una pentola piena di acqua bollente, la rana saltava fuori velocemente. D’altra parte, quando mettevano una rana in acqua fredda e facevano bollire l’acqua gradualmente, la rana bolliva fino a morire. L’ipotesi è che quando il cambio di temperatura è così graduale, la rana non capiva che stava bollendo fino a morire. Mentre i risultati dell’esperimento sono messi in discussione, è una buona metafora dell’organizzazione della cultura aziendale.

Spesso la mancanza di fiducia e impegno arriva furtivamente. Non ci accorgiamo neanche che sta arrivando. Capiamo solo che c’è qualcosa di strano. Spesso non siamo sicuri di cosa fare a riguardo. Non siamo nemmeno sicuri che sia parte delle nostre responsabilità fare qualcosa.

Il mio obiettivo qui è di condividere con voi quello che ho imparato, sperando che possa aiutarvi a prevenire un rimorso lavorativo:

- Fate qualcosa, quando sentite che c’è qualcosa che non va. Anche se non fa parte della descrizione del lavoro, è il vostro lavoro.

- Se non siete sicuri sul da farsi, abbiate una conversazione a cuore aperto con altre rane nella pentola che sta bollendo. È il vostro lavoro.

- In quanto membro di un team siete responsabili esattamente quanto chiunque di creare fiducia nel team, anche quando questo significa prendersi carico della mancanza di fiducia, che sentite, con gli altri. Farlo richiede coraggio. È il vostro lavoro.

- Se pensate che il vostro capo non sia disposto ad ascoltare, datevi un’altra possibilità. Provate un’altra volta a a parlarci. Trovate qualcun altro che vi ascolti. È il vostro lavoro.

- Imparate ad affrontare conversazioni difficili che ricostruiscano fiducia quanto è stata compromessa. Cio' richiede autenticità e responsabilità. È il vostro lavoro.