Cosa fare quando non riesci a prendere la decisione


by   |  LETTURE 3071
Cosa fare quando non riesci a prendere la decisione

Quante volte hai retinato mentre prendi una decisione, non sapendo qual è la scelta giusta?

La vita ci mette davanti ad una scelta da prendere molte volte e scegliendo una strada sull'altra, bilanciando attentamente i pro e i contro di ciascuno, ascoltando quella sensazione istintiva e non lasciando che gli altri influenzino le tue decisioni. E' molto importante riuscire a decidere - se vuoi essere felice con il tuo destino nella vita ... Il processo decisionale è un'abilità importante: tutti abbiamo bisogno di andare avanti e/o indietro, nella nostra carriera così come nella vita.

 

Ma perché il processo decisionale è così difficile?

Francamente, in un dato giorno, spesso finiamo per prendere centinaia di piccole e forse insignificanti decisioni. Quando alzarsi, allenarsi o no, cosa indossare, cosa mangiare, dove andare, come andare e molto altro ancora.
Queste decisioni sono prese in una frazione di secondo e sono abbastanza facili da capire, ma poiché non influenzano davvero l'esito di nulla - la nostra scelta per la colazione, purché sana e soddisfacente, non altera il futuro di noi o il mondo.

Questo cambia quando la decisione è stata resa complicata da fattori esterni. Ciò che indossi in ufficio in una giornata ordinaria non è un gran problema, ma quando hai in mano quell'importantissima intervista, il tuo abbigliamento diventa un importante processo decisionale. Se hai difficoltà a prendere decisioni sule scelte per i giorni a venire, chiedendoti se quello che hai fatto fosse giusto, devi fermarti.

Anche se non ti consiglieremmo mai di prendere decisioni in pochi secondi e di immergerti senza valutare i pro e i contro, devi prendere la decisione in modo rapido e conciso e ricordare questi pensieri.

- Pensare molto non è sempre un buon modo per prendere una decisione.

- Impara a fidarti del tuo intuito o sentimento.

- Dare una scadenza al processo decisionale.

- Accetta che non puoi sempre avere tutto; potresti dover scendere a compromessi.

 

Come posso migliorare le mie capacità decisionali?

Sapere che hai un problema con il processo decisionale è un buon passo. Riconoscere i segni - se non puoi nemmeno ordinare la cena per te stesso, allora potrebbe essere il momento di perfezionare le tue capacità decisionali, irrigidire la colonna vertebrale e fidarti di quello che ti dice l'intestino ...

 

La regola 10/10/10 per prendere decisioni difficili ma necessarie

Suzy Welch è una scrittrice di business per varie pubblicazioni e ha inventato uno strumento semplice che può aiutarci a decidere come procedere.
Chiamato 10/10/10, e descritto da Welch in un libro con lo stesso nome, consiglia di pensare alla decisione che stiamo per prendere in tre diversi intervalli temporali: come ci sentiremo a riguardo tra 10 minuti da ora ? Che ne dici di 10 mesi da oggi? Che ne dici di 10 anni da oggi? Questo strumento ci aiuta fondamentalmente a vedere le cose con una nuova prospettiva e fa in modo che il rimpianto non faccia parte della nostra vita - se possiamo prevedere che una decisione che prendiamo ora rischia di lasciarci in seguito il rimpianto, significa che forse e' meglio dirigerci su un'altra strada in modo da essere maggiormente felici.

 

Affronta le tue paure e poi vai avanti

Un sacco di tempo! il processo decisionale ci paralizza, per così dire, perché abbiamo paura del risultato. Temiamo il risultato che porterà la nostra decisione e, se fondamentalmente siamo così ansiosi, lo analizzeremo cosi' tanto che finiremo per congelarci la mente e non riuscire a prendere nessuna decisione. La chiave per uscire da questo congelamento è affrontare e nominare queste paure. Annota le peggiori cose che potrebbero accadere con la decisione che stai per prendere - ad esempio, hai un grosso problema con il tuo coniuge e vuoi esporre le tue lamentele. Ma hai paura che questo porti ad una grande lotta o anche ad una separazione lungo la strada.

Il prossimo passo è vedere se puoi affrontare lo scenario peggiore. Se si arriva ad una separazione o addirittura ad un divorzio - puoi sopportare di essere single? Pensaci a lungo e duramente e potresti vedere che, mentre le tue paure e lo scenario peggiore sono difficili, potrebbero anche essere gestibili.

 

Incollato? Scrivi i pro e contro

TED Talker Ruth Chang ha ideato un modo semplice per accelerare le capacità decisionali. Dice che se scrivi i pro e i contro della decisione che stai per fare potrai arrivare alla conclusione che non ci sono scelte corrette o sbagliate.
Come persone, siamo subliminalmente dettati dai nostri desideri e necessità, anche se li spogliamo senza pietà. Questa soluzione è molto efficace quando siamo bloccati con due scelte, ed entrambe sembrano buone. Bloccato tra due proposte di matrimonio, due lavori o due scuole per i bambini ...

Se elencherai i pro e i contro di entrambe le opzioni, vedrai i pro di uno che si allungano più dell'altra - di solito, il tuo desiderio innato o l'intestino prenderanno la decisione per te. Vai con il tuo istinto e lascia tutto il resto al cosmo.

 

Prestare attenzione alle cattive intenzioni e prendere decisioni basate su di esse

Gli esperti dicono che finiamo per prendere le decisioni sbagliate semplicemente perché finiamo per confondere i nostri gusti, con i nostri desideri. Come esseri umani, siamo soggetti alle nostre emozioni e sentimenti. Ma i sentimenti non ci dicono veramente da dove vengono - e poiché spesso fraintendiamo la loro fonte, finiamo per non sapere cosa ci piace della nostra situazione.

Inoltre, potremmo volere qualcosa - e finire per confondere il desiderio con il piacere. Quindi potremmo voler vedere il Louvre, ma ci piace davvero? Non lo sappiamo. Potremmo volere un nuovo look ... Ci piace? Non so ...

Quindi, a volte, le nostre decisioni dovrebbero basarsi più su ciò che ci piace, che sui nostri desideri.
Ad esempio, potremmo voler fare un viaggio in un luogo esotico. Ma sappiamo che ci piace essere nella splendida solitudine delle colline, piuttosto che al centro di un'isola caraibica. La decisione dovrebbe quindi essere quella di andare in collina, perché è quello che ci piace …

 

Fuga dal paradosso della scelta

Molti anni fa, il processo decisionale era più facile di quello che è oggi. Perché? Perché non ha comportato così tante scelte. L'acquisto di una maglietta è stato facile perché tutto quello che dovevi fare era scegliere la taglia e il colore. Ora, se vai a comprare una maglietta, devi scegliere il tipo, la vestibilità, i bottoni, il tessuto, il taglio, il punto, il disegno, il colletto, il colore, la taglia.

Barry Schwartz lo esprime in modo così eloquente nel suo TED Talk - abbiamo così tante scelte oggi, che ciascuna delle nostre decisioni, che sia buona o cattiva, arriva con il sapore unico del rimpianto - dal momento che finiamo per pensare che forse A, B, C o X, Y, Z era una scelta migliore di quella effettuata. E questo succede dappertutto: nei nostri lavori, nel panino che compriamo, nel gusto del gelato che scegliamo, o persino nell'auto o negli ultimi aggeggi di tecnologia che tanto adoravamo, ma ora ci chiediamo …

La soluzione è di mantenerla semplice: scegliere 2-3 alternative, chiudere un occhio sugli altri e andare con l'istinto. Per il resto, lascia che il mondo continui a danzare - hai preso la tua decisione, sii felice con esso. Ci saranno sempre persone che ti considerano un pazzo, per la scelta che hai fatto. Il punto è che, se sei felice, perché dovrebbe interessarti degli altri?