3 Modi per rifocalizzare il vostro pensiero per il successo


by   |  LETTURE 64
3 Modi per rifocalizzare il vostro pensiero per il successo

Quando le persone mi chiedono il mio miglior consiglio, di solito rispondo, “Smetti di pensare a tutto ciò che credi.”

C’era un tempo in cui aiutavo a insegnare la psicologia sociale all’università, e il nostro argomento era come l’ego lavori nel corso del tempo per proiettare il suo filtro nel mondo. Quindi, all’inizio dell'anno accademico, mettevo un pezzetto di carta sulla lente del proiettore, non sullo schermo, e quando iniziavo la lezione, facevo finta di notare all’improvviso un oggetto sullo schermo.

Bloccava e distorceva una visione chiara. Senza puntare allo schermo, chiedevo a un paio di studenti,”Potreste alzarvi e fare in modo di vedere bene ed essere sicuri che la proiezione non abbia problemi? Sembra che ci sia qualcosa che blocchi parte dello schermo.”

Ho fatto quest’esperimento molte volte con diversi gruppi, e ogni volta gli studenti andavano immediatamente allo schermo per vedere cosa ci fosse, quando, in verità, il pezzetto di carta era stato messo sulla lente del proiettore. Serviva un po’ di tempo prima che le persone capissero che era la lente, e non lo schermo, che ostruiva la visione.

Quando ciò che viviamo nelle nostre vite disturba la nostra pace, non necessariamente è realtà. Non è lo schermo che ha bisogno di essere aggiustato o pulito; in verità è la lente con cui state vedendo la realtà.

Questo è più che pensiero positivo; è fare chiarezza sui fatti o sulla vostra situazione così potete separare lo stress autoimposto dalla realtà.

L’ego non è vostro amico

Il vostro ego è un filtro sul mondo. Narra costantemente la vostra realtà, e se credete a tutto ciò che pensate, avrete una percezione della realtà molto distorta. L’ego distorce il vostro mondo agendo come un paio di occhiali con la graduazione sbagliata. Quindi, invece di avere una visione di qualità sulla realtà, questo ego filtra e distorce sempre le circostanze, creando pensieri come, i vostri capi sono incompetenti, i colleghi sono pigri e la nostra cultura tossica vi impedisce di avere successo. I comportamenti e le azioni che assumete sono il risultato di questi pensieri, basati su dati corrotti.

Una delle cose migliori che potete fare dopo aver acquisito la consapevolezza di questo filtro è quella di mettere in discussione i vostri pensieri e scegliere se credere o meno al narratore nella vostra mente. L’ego lavora sodo per dipingerci come vittime delle circostanze, cercando di assicurarci che il successo sarebbe arrivato se solo le circostanze fossero state diverse, ma c’è un mondo per superare l’ego e venirne fuori da vero leader.

Qui ci sono tre modi per ri-centrarsi sul successo.

Separate lo stress dalla realtà

Una delle cose più impagabili che mi sia mai capitata è stata quella di notare che non sono la voce dentro la mia testa, e che questo ego è diverso dall’autostima necessaria ad alimentare le mie capacità. Una volta che realizzate la differenza fra ego e autostima, anche voi, potete iniziare a sintonizzarvi e ad ascoltare ciò che sta dicendo il narratore dell’ego, dandovi la scelta più bella del mondo: credere o meno all’informazione che vi sta dando. Qui è da dove deriva una libertà incredibile.

Siate consapevoli che successo e felicità non dipendono dalle circostanze

Quando vi svegliate la mattina, probabilmente non dite, iniziamo a pensare. Se ci fate caso, siete già inondati di pensieri, spesso frustranti, sulle vostre capacità, sulla vostra giornata lavorativa e tutti gli ostacoli che si stanno mettendo di mezzo. Per conseguire maggior successo, dovete accettare il pensiero chiave che le circostanze non sono la ragione per cui non potete avere successo; sono la realtà in cui dovete avere successo.

Cambiate la vostra storia

Prima che mettiate in discussione tutti i vostri pensieri, fermatevi a pensare. Cosa so di sicuro? Oppure quali sono i fatti? Questo vi permette di esercitare flessibilità mentale. Quando prendo in parola il mio ego, esiste solo una spiegazione distorta delle cose che mi stanno accadendo. La flessibilità mentale mi permette di essere chiaro circa i fatti e considerare che le cose accadono per un bene maggiore. Assodato ciò che so per certo, posso trovare 100 spiegazioni diverse sul perché di ciò che sta succedendo, potrebbe potenzialmente beneficiarmi. Questo modo di pensare vi potenzia, il che va ad arricchire le capacità che già avete.


 

Siete pronti ad avere più felicità e successo a lavoro?

Ecco un compito per fare auto-critica: chiudete gli occhi per un minuto e prendetevi davvero il tempo per sintonizzarvi su quella voce nella testa. Ha un’intera storia, sia che tratti della cultura tossica, che siate l’unico che fa tutto in ufficio o che la vostra vita sarebbe migliore se solo aveste un capo, colleghi o clienti diversi.

Mettete alla prova voi stessi e fate chiarezza su cosa sapete di sicuro. Scrivete solo i fatti che sentite su un pezzo di carta. Qual è la vostra realtà. Ora potete chiedervi. Perché sono stressato e perché sto soffrendo? Spesso è dovuto alle storie sulla realtà che vi siete fatti nella testa.

Il nostro valore in quanti impiegati e leader non è cosa possiamo dare in circostanze perfette con un capo perfetto o con colleghi impeccabili. Il nostro valore è dato da quanto velocemente possiamo accettare la realtà della nostra situazione, dite sì a ciò che deve avvenire e contribuite a risultati perfetti in circostanze meno perfette.