Perché "essere positivi" non è il miglior consiglio quando si è giù di morale

Impara l'alchimia che conoscono gli esseri umani veri. Nel momento in cui accetti i tuoi problemi, si aprirà una porta

by Federico Coppini
SHARE
Perché "essere positivi" non è il miglior consiglio quando si è giù di morale

"Impara l'alchimia che conoscono gli esseri umani veri. Nel momento in cui accetti i tuoi problemi, si aprirà una porta." Rumi

La pressione del pensiero positivo

Il pensiero positivo è ovunque in questi giorni, eppure non sta aiutando le statistiche sulla depressione, che stanno aumentando, non diminuendo.

"Essere positivi" è diventato il nuovo modo di dire a qualcuno di "alleggerire". Non ha funzionato allora e non funziona ora. Non è come se dovessi essere detto di sentirti meglio. Ovviamente lo sai già. Ovviamente l'hai sentito un milione di volte prima. Ed è irritante e inutile sentirlo dire ancora una volta.

Come Instagram e altre forme di social media, il movimento del "pensiero positivo" sembra essere incentrato su un ideale di perfezione percepita tutto il tempo. Non soddisfatti di sembrare "perfetti", ora devi anche pensare perfettamente.

È come qualcosa fuori dal film The Stepford Wives, dove persone reali vengono sostituite da robot. Negare le nostre emozioni è un insulto al percorso di ciò che significa essere un essere umano, e non fa nulla per aiutare le persone a sentirsi meglio.

Perché va bene sentirsi giù

Anche i grandi santi e mistici non erano così perfetti. Avevano giorni brutti ed erano aperti al riguardo. Il buddhismo, ad esempio, insegna nelle Nobili Verità che il dolore è universale e inevitabile. Ovviamente, c'è una differenza tra "sentirsi giù" e affrontare una grave depressione, ma per molti di noi il primo si trasforma nel secondo perché aggraviamo i nostri sentimenti con l'autogiudizio.

A differenza di certi discutibili "insegnamenti" del New Age, questi autentici maestri capivano che il pensiero negativo fa parte del percorso umano, e che va bene sentirsi meno del proprio meglio a volte. E sapevano anche che è un percorso rapido verso l'auto-odio aspettarsi di più da se stessi.

Senza entrare nelle emozioni negative, non apprezzeremmo mai le emozioni positive. E un'altra cosa: sono le sfide che evolvono realmente i momenti migliori e portano il meglio di noi rinforzando i nostri "muscoli mentali".

Pensa di andare in palestra e dire all'istruttore che vuoi il corpo ideale, ma non vuoi alcuna tensione sui muscoli. È lo stesso con le sfide dell'esperienza. La tensione della vita ci fa evolvere.

Cosa fare quando ci si sente giù di morale
Quando ci si sente giù, la mente corre a pensare troppo e si cerca di trovare un modo per uscire dallo stato d'animo. Sebbene ciò sia sensato, è proprio questo che vi tiene bloccati. Come quando si combatte con una ragnatela gigante, più si cerca di scappare e più si rimane intrappolati.

La scelta: combattere o rilassarsi
Quando si è di cattivo umore si pensa di poter scegliere se sentirsi bene o no, se "essere positivi" o "essere negativi". Ma non è così. Le vostre due scelte sono apparentemente più limitate: stare bene con la situazione o lottare contro di essa.

La mente spaventata vuole davvero pensare troppo e quindi cercare di "essere positivi" diventa quasi impossibile Cercare di "essere positivi" è in realtà un'autocritica; si invia il messaggio che "non si dovrebbe" stare male. Cerchiamo libri che ci aiutino, suggerimenti che ci aiutino a uscire dallo stato d'animo, e nel frattempo ci ancoriamo ancora di più all'oscurità.

Invece, si vuole girare e affrontare il punto in cui ci si trova. In altre parole, si vuole seguire l'ansia piuttosto che lottare contro di essa (e contro se stessi).

Potreste non voler essere lì, ma non è questo il punto. Fare pace con un luogo in cui non si vuole stare sembra illogico, ma è un passo necessario per raggiungere il luogo in cui si vuole stare.

Accettare tutte le parti della vita
Ora, ogni volta che mi sento giù, so che non è la fine del mondo: fa parte della vita. Quando mi sento così, so anche che un cambiamento positivo è in arrivo. So che la mia vita si sta evolvendo e che stanno arrivando nuove idee.

Così come non ho un esaurimento nervoso in palestra quando sento la tensione nei muscoli mentre mi alleno, non crollo più quando sento la tensione della vita che mi evolve. La accolgo. Accetto il processo. E accetto me stesso anche quando non riesco ad accettare il processo in ogni momento. Dopo tutto, sono un essere umano.

Non c'è nulla di sbagliato se a volte ci sentiamo meno che al meglio, nonostante quello che possiamo aver letto.

Il pensiero negativo non farà crollare il vostro mondo, anzi. È la fonte della nostra evoluzione. Il primo passo per sentirsi meglio è capire che fa parte del processo e che va bene così. Proprio come ciò a cui resistiamo, persiste, è solo nell'accettazione che possiamo lasciarlo andare e passare a sensazioni ed esperienze migliori.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)