Come apprezzare voi stessi - parte 5


by   |  LETTURE 78
Come apprezzare voi stessi - parte 5

SE VUOI LEGGERE LA PARTE 1, PARTE 2, PARTE 3, PARTE 4 Strategie di cura di sè Queste pratiche creeranno spazio per la cura di sè nella vostra vita. Scegliete quello che funziona meglio per voi. L’appuntamento dell’artista

“Se non stiamo attenti al suo mantenimento, la nostra fonte si esaurirà, diventerà stagnante, o si bloccherà”.

- Julia Cameron

The Artist’s Way di Julia Cameron insegna due pratiche fondamentali per la cura di sè: 1. Le pagine mattutine (tenere un diario) e 2. L’appuntamento dell’artista (tempo per se stessi se preferite).

E questo vale per tutti, non solo per gli artisti. L’appuntamento dell’artista, scrive “è un’escursione, un incontro di gioco che pianificate con anticipo e che difendete dagli intrusi”.

Due ore la settimana sono sufficienti. Cosa fate durante questo momento? Qualsiasi cosa vogliate! Le uniche regole sono: dovete sedervi da soli e deve essere divertente. L’attività non deve essere edificante (es.

Fare una lezione o leggere) - funziona meglio quando seguite il vostro Bianconiglio, seguite la vostra curiosità. In questo spazio, iniziamo a sentire nuovamente la nostra voce interiore, quella è sempre lì, pronta a dirci come dobbiamo essere buoni con noi stessi.

La fase di scarico

“La musica è il silenzio tra le note” - Claude Debussy
Gli atleti di alto livello tendono a dire che danno sempre il 110%, ma sanno che i risultati non derivano dal costante andare oltre i limiti.

Ogni allenamento efficace include una fase di scarico, di solito una settimana, in cui si diminuiscono gli sforzi. Nel mio sollevamento pesi, questo significa caricare solo il 50 o 70% del peso del mio allenamento. Sembra ridicolo, come trascinare in giro un sacco di piume, e la mia mente lo combatte.

Ma la legge dell’universo stabilisce che ogni cosa ha un ritmo, incluso il vostro corpo, che ha bisogno di una settimana più leggera per “preparare il corpo a una maggior richiesta nella fase successiva,” afferma Tim Ferriss.

Ferriss ha applicato il concetto di scarico alle sue attività non fisiche. Raggruppa periodi intensi di compiti simili (scrivere post sul blog e registrate podcast, per esempio) per poi bilanciarli con questa fase di scarico.

Ed è in questo momento che arriva l’ispirazione. Come Tim, difendo il mio momento di scarico. Lavorando meno, concludo di più. Includete da adesso una fase di scarico nel vostro calendario (non deve essere una settimana intera) e imparerete a rallentare, dopotutto andrete più lontano.