10 Abitudini innocue da eliminare se vuoi avere successo



by   |  LETTURE 761

10 Abitudini innocue da eliminare se vuoi avere successo

1. Dire di sì quando vorresti dire di no.

Se un progetto, una collaborazione o un’opportunità non ti sembrano giusti per te o in sintonia con i tuoi valori e i tuoi obiettivi, devi abituarti semplicemente a mettere dei paletti. Impara a dire di no con gentilezza fin dall’inizio perché, proseguendo nella tua scalata verso il successo, sempre più persone faranno a gara per avere un po’ del tuo tempo e della tua attenzione. Se non impari a fare questo, rischierai di essere schiacciato dalla tua mole di lavoro e di esaurire le tue energie.
 

2. Frequentare persone che non vogliono crescere.

Soprattutto chi gestisce un’azienda deve considerare che le persone che l’hanno fatta arrivare a dove è adesso potrebbero non essere le stesse che la faranno continuare a crescere domani. Se non collaborano con entusiasmo per la crescita del team, è il momento di sostituirle con persone che invece desiderano farlo.
 

3. Saltare la pausa pranzo.

Saltare la pausa pranzo è purtroppo un’abitudine di molti titolari d’azienda. La giustificazione di solito è: “Se salto la pausa pranzo, poi riesco ad andare via prima la sera”, ma in realtà non lo faranno. È dura staccare a mezzogiorno, specialmente se sei in un momento frenetico, ma è importante prendersi qualche minuto per ricaricare le pile. Se salti la pausa la tua produttività pomeridiana diminuirà e sarai più incline ad esaurire le tue energie.
 

4. Non fare attività fisica.

Se salti la palestra troppo spesso, la mancanza di disciplina si diffonderà anche negli altri aspetti della tua vita, compreso il tuo business. Quando fai esercizio fisico, la tua mente diventa più acuta e attenta e questo ti consentirà di lavorare molto meglio.

 

5. Fare “multitasking”.

Fare più cose allo stesso tempo è tecnicamente impossibile. Quando cerchi di fare più di una cosa contemporaneamente, in pratica non ti concentri veramente su nessuna delle due, per cui farai tutto al di sotto delle tue capacità.
 

6. Contattare le persone senza un motivo particolare.

In un mondo perfetto, tutto quello che fai dovrebbe avere uno scopo (anche se ti stai riposando sul divano). Mandare messaggi che non aggiungono nulla a una relazione, solo per farti vivo o peggio ancora controllare l’altro, è qualcosa di inutile se non dannoso. Ci sono delle occasioni particolare in cui è molto importante sapere che l’altra persona ti sta pensando, ma cerca di farlo solo in momenti eccezionali che magari evocano ricordi condivisi.
 

7. Ricercare la perfezione.

Spesso mi rendo conto che quando ricerco la perfezione, il processo di portare a termine un semplice buon lavoro viene rallentato. Infatti ho molti progetti che sono ancora in attesa di sviluppo, perché continuo a perfezionarli senza arrivare a una conclusione definitiva. Infatti la maggior parte dei difetti che noto io, verrebbero probabilmente ignorati da altri. Sto cercando di migliorare sotto questo aspetto, lasciando perdere la tentazione di perfezionare tutti i miei lavori.
 

8. Non trovare dei momenti per ricaricare le pile.

Se sei uno stacanovista, capiterà che le tue ore di lavoro prendano sempre più il sopravvento sul resto della giornata, fino ad arrivare al punto in cui non avrai più tempo per te. Questo inizialmente ti potrà far sentire più efficiente, ma ben presto sortirà l’effetto contrario. Non c’è un modo migliore per esaurire del tutto le energie. Abituati a concederti regolarmente delle ore per riposarti e per ricaricare le pile.

 

9. Rispondere immediatamente ai messaggi personali e alle e-mail.

Questo è di gran lunga il più grande problema delle persone che stanno cercando di avere successo. Se rispondi subito a un’e-mail o a un messaggio, dovrà essere un caso eccezionale, altrimenti verrai continuamente distratto dal lavoro che stai facendo in quel momento, limitando le tue possibilità di successo. Pianifica un momento ogni ora o due per rispondere alle e-mail e ai messaggi ricevuti nel corso della giornata.

 

10. Non fare un elenco di priorità all’inizio della giornata

Recentemente ho iniziato a usare un’agenda di produttività e questo ha cambiato il mio modo di lavorare. Mi spinge a mettermi al lavoro nelle prime ore della mattina sulle cose importanti da fare, soprattutto quelle cose che prima rimandavo di giorno in giorno. Prima ero abituato a seguire una normale lista di cose da fare, ma senza avere mai la sensazione di portare a termine le cose più importanti.