Devi essere irragionevole nel perseguire i tuoi obiettivi


by   |  LETTURE 253
Devi essere irragionevole nel perseguire i tuoi obiettivi

Non sono la persona più intelligente che esista. Se non riesco ad eccellere con le parole, lo faccio col duro lavoro. Molte persone passano troppo tempo a pensare, a leggere, a programmare, a studiare una strategia, ma senza iniziare mai veramente a lavorare.

Io lavoro in modo semplice. Il successo richiede un processo semplice. Non ce la faccio se è troppo complicato. Passare il tempo cercando di immaginare significa che stai rimandando. Devi iniziare a fare il tuo lavoro al massimo dell’impegno, a un livello così intenso da farti perdere la cognizione del tempo.

Se stai mantenendo la cognizione del tempo, non stai lavorando abbastanza intensamente. Io non metto neppure l’orario giusto sul mio orologio, ne porto uno solo perché mi piace dal punto di vista estetico. Decidi adesso di smettere di pensare ai giorni e alle settimane – pensa solo a una marea di lavoro.

Molti cercano di non lavorare troppo. Evitano di fare le cose che li fanno sentire a disagio, come fare una telefonata per vendere, fare una presentazione o avere contatti sociali. Il lavoro mi ha salvato la vita. Non è facile avere successo.

Non esiste il successo improvviso. Non mi piace essere al verde, per cui lavoro. Il tuo lavoro è fare le cose che ti fanno sentire a disagio. Chi fa solo quello che lo fa sentire a suo agio non fa mai crescere il suo potenziale.

Sei d’accordo se affermo che chi ha intenzione di costruire una vita grandiosa potrà influenzare altre persone? Chi non punta in alto, non sviluppa il proprio potenziale. Fatica a tirare avanti, non lasciando quasi traccia sul pianeta.

Come ha detto Steve Jobs, il tuo scopo deve essere intaccare l’universo. Più soldi hai, più hai la possibilità di aiutare gli altri. Inizia a far crescere le tue entrate – mettici molta attenzione.

Non accontentarti più. Devi iniziare a rompere gli accordi, a togliere le etichette e smettere di essere qualcosa di specifico: padre, sorella, banchiere, venditore, commerciante, imprenditore – queste definizioni ti limitano, non credi? Io non sono un venditore, un autore o un imprenditore, sto vivendo la mia VITA.

Non sono un sacco di cose. Devi smettere di darti un nome specifico e iniziare ad agire come facevi quando eri un bambino – che è entusiasta della vita e tocca tutto. A quei tempi non avevi paura e andavi verso quello che desideravi sena timore.

I bambini sono l’esempio migliore dell’essere irragionevole. Quando vogliono qualcosa, non ci ragionano sopra, cercano subito di afferrarla. Quello che vuoi dalla vita sarà difficile da ottenere, ma sarà ancora più faticoso se smetti di lottare per averlo.

Tutto è faticoso. - Sistemarsi è difficile. - Cavarsela è difficile. - Farcela è difficile. Tanto vale provare ad ottenere quello che davvero vuoi. Vivere con 55.000 euro all’anno è difficile.

Come fai a vivere così? Devi crescere concentrandoti sulle attività di crescita. Vendere è un’attività di crescita. Ogni delusione della tua vita è il risultato di non essere riuscito a vendere qualcosa.

Ho parlato di questo argomento nel mio libro “Sell or be sold”. Devi venderti con convinzione. Vendere te stesso sarà la vendita più faticosa che dovrai fare. Se non ti sai vendere, allora non riuscirai a vendere.

Mettiti in vendita e concentrati sulle tue nuove entrate. Lascia che ti racconti la storia di un quarto di dollaro… Quando ero piccolo, mio padre diede a me e al mio fratello gemello Gary un quarto di dollaro ciascuno.

Ero davvero orgoglioso di averne uno. Uscimmo di casa per andare a comprare qualcosa in città. Avevo il quarto di dollaro in tasca – lo accarezzavo, lo lisciavo e immaginavo tutte le cose che ci avrei potuto comprare.

Ad un certo punto lo tirai fuori dalla tasca per ammirarlo e per l’agitazione lo feci cadere in un canale di scolo. Riuscite a immaginare quanto possa essere andato nel panico? Lo riuscivo a vedere, ma non lo potevo più prendere.

Dovetti tornare a casa senza nulla e affrontare la delusione di mio padre. Quando mi chiese cosa avessi preso, dovetti dirgli che l’avevo perso. Mi sentivo sommerso dalla delusione. Allora mio nonno mi prese in disparte e mi diede una lezione importante – non andare mai in giro con un unico quarto di dollaro.

Imparai quanto era doloroso perdere quello che possedevo, ma soprattutto che era ancora peggio non avere più nulla per rimpiazzarlo. Il concetto importante è che hai bisogno di molti quarti di dollaro. Non devi mai averne solo uno.

I grandi sogni iniziano con i soldi perché li puoi misurare. I tuoi genitori ti hanno insegnato a essere ragionevole, a non fare il passo più lungo della gamba. Le persone ricche non dicono “I soldi non sono tutto”.

Non fare la vittima. Non dare la colpa a nessun altro. Smettila di trovare delle scuse. Mettici sempre tutto te stesso. Cerca di fare in modo che nessuno possa fermarti. Datti alle vendite. Ogni iniziativa commerciale a cui ho dato il via è partita con una vendita.

Niente vendite, niente affari. Non hai bisogno di una terapia, devi solo iniziare ad agire. Non devi per forza scrivere un piano di azione o organizzare la tua rubrica. Senza soldi sei morto in partenza. La guarigione inizia dall’azione, non dai pensieri.

Vendere implica agire, chiedere, insistere. Da bambino ti hanno detto di non insistere troppo? “I soldi non crescono sugli alberi” significa “Non so come sbarcare il lunario”. Sostituisci le scuse con i dati di fatto.

La verità è che le entrate non vanno bene. Ti hanno insegnato che per fare soldi ci vogliono soldi, ma non è vero. Ci vuole coraggio. Hai bisogno di avere grandi problemi e grandi sogni. Io non modifico i miei sogni.

C’erano molto prima che arrivassero mia moglie e i miei figli. Se non ti piace vendere, non ti piace guadagnare. Tutte le persone che cerchi devono essere a bordo e tu devi essere un folle. Trova il tempo. Spendi tutti i tuoi soldi per crescere.

Usa il debito per fare esplodere il tuo business. Non c’entra la legge di attrazione; c’entra solo la legge dell’azione. Non fare un lavoro, fai la tua vita!