La carriera non è tutto nella vita


by   |  LETTURE 188
La carriera non è tutto nella vita

Un’altra sera a lavorare fino a tardi, un’al- tra cena mancata con gli amici. Ma perlomeno il tuo capo apprezzerà il tuo impegno, giusto? Come no… Con sempre meno posti di lavoro e l’economia che non si riprende la pressione di restare sempre sul pezzo e non farsi licenziare è altissima.

Per decenni abbiamo lavorato sempre più duro e più a lungo per avere una casa migliore, per pagarci le vacanze e per farci un nome. I cellulari e le mail ci hanno permesso (o costretto) a essere sempre presenti e a sapere  sempre  tutto  ma  facciamo sempre più fatica a non restare indietro.

È  una  pressione  ormai  insostenibile.  Lo stress  costante  o  prolungato  sul  lavoro  rischia di portarci  al  burnout.  E  se  ci  arrivi rischi di dover forzatamente scendere dalla ruota da criceto che è il lavoro o, quel che è  peggio,  di  farti  buttare  giù  a  calci  senza poterci  più  risalire.  Come  evitare  questo esaurimento? Cambiare lavoro spesso è un buona  tattica.  Secondo  Forbes  chi  fa  lo stesso lavoro per più di due anni guadagna il 50% in meno di chi cambia spesso lavoro.

Ma non è solo questione di soldi. 

1. La felicità che si prova nel rimettersi in gioco e ritrovarsi in nuovi ruoli, nel reinventarsi aiuta  a  evitare  il  burnout  e  la  noia. L’importante è non lasciarsi prendere dalla foga di cambiare e non improvvisare.
Ovvero, se vuoi fare un certo lavoro non licenziarti  di  punto  in  bianco  ma  impara  a conoscere il campo in cui andrai  a  lavorare,  fai  dei corsi,  scopri  come  trasformarlo in una fonte di reddito. Se per esempio ti piace allenarti hai mai pensato  di  fare  il  personal trainer? Con un buon corso, qualche passaparola e qualche ricerca  (la  ricerca  di  personal  trainer  è  in  crescita e lo sarà, pare, ancora per molti anni) puoi  trasformare  una  passione  nel  tuo  lavoro. 

2. Se  non  puoi  permetterti  di  cam biare lavoro, o se comunque ti piace, ma vuoi  evitare  il  burnout  cerca  di  avere  una buona vita sociale e trova il tempo per vedere  gli  amici
Una  ricerca ha dimostrato che nel corso di vent’anni le persone che si considerano amici e con le quali ci si sente a proprio agio a tal punto da parlare di problemi importanti calano di circa un terzo.

3. Un vero peccato. Anche perché, secon do un rapporto pubblicato su Plos Medicine i legami sociali influenzano positivamente la  longevità  più  dell’esercizio  fisico,  addirittura il doppio. In pratica vedere gli amici fa  bene  alla  salute  quanto  smettere  di  fumare.

E allora non fare gli straordinari tutte le sere,  fatti  una  birra  al  pub  con  gli  amici.

Bevila alla tua salute.