7 motivi per cui fare hiking per calmare la mia mente ansiosa


by   |  LETTURE 65
7 motivi per cui fare hiking per calmare la mia mente ansiosa

by Marta Brown

Sono una persona propensa agli spazi chiusi.

Come editor passo le mie giornate al chiuso, e nel mio tempo libero, mi si può trovare a leggere, scrivere, ricamare o fare gioielli. Amici e famigliari scherzano regolarmente sul fatto che la mia pelle pallida non abbia mai visto la luce del sole.

Poco meno di un anno fa, stavo finendo la mia tesi del master e iniziando la temuta caccia al lavoro. Nel momento in cui è iniziato lo stress della ricerca, la mia ansia è peggiorata tantissimo.

Ma niente di ciò che provavo sembrava funzionare contro il mio respiro corto, i miei dolori di stomaco e le eruzioni cutanee.

“Movimento!” mi avrebbe suggerito il mio fidanzato. Ma non sono mai stata il tipo che suda in un’affollata palestra. Poi in un giorno di sole a Chicago, abbiamo deciso di andare a fare hiking a Starved Rock State Park, circa 100 miglia fuori dalla città.

Mi ci sono fissata da allora.

Fare hiking non solo ha calmato la mia ansia, ma mi ha anche fatto trovare significato in così tanti modi diversi, grandi e piccoli. Ecco alcune lezioni che ho imparato.

1. Non si tratta di ottenere sempre la foto perfetta sui social

Anche se sono esitante nell’ammetterlo, sono schiava dei social media – Facebook e Instagram sono i miei favoriti. Durante uno dei miei hiking a Starved Rock, mi sono ritrovata a voler condividere il bellissimo scenario con i miei follower sui social. Continuavo a infastidire il mio fidanzato con “solo un ultimo selfie” e continuavo a cercare la foto perfetta per immortalare la nostra giornata. Durante l’hiking successivo ho a malapena guardato il mio cellulare. E mi sono sentita molto meglio. Quindi che succede se non faccio una foto che immortali perfettamente quanto mi sono goduta la giornata? Quello che importa è che mi sono divertita, non quante persone metteranno “like”. Non ne deriva niente di concreto dal collezionare un sacco di like con una foto, ma ci sono molti benefici derivati dal distacco dalla tecnologia, esplorando la natura e imparando a “semplicemente essere”. La serenità mi fa sentire grata per quello che ho dritto di fronte a me.

2. Le preoccupazioni della vita quotidiana iniziano a importare un po’ di meno

L’inverno scorso, ho fatto un viaggio alle Hawaii. Un giorno, abbiamo deciso di andare alla conquista del ripido hiking in cima al cratere principale Koko a Oahu. E lasciate che ve lo dica, quando faticate per arrivare in cima a 1.048 scalini, boccheggiando incessantemente e grondando di sudore, iniziate a preoccuparvi un po’ meno della mail passivo-aggressiva o di un leggero mal di gola. Questo tipo di preoccupazione sembra insignificante quando le paragonate a un enorme compito a portata di mano, come 1000 scalini, e mi riesce molto facile richiamarli alla memoria.

(E visto che voglio essere sincera con voi, questo l’ho postato su Facebook. Ma mi riferisco al fatto che fossimo alle Hawaii.)

3. Quando siete concentrati su qualcosa di fisico, la vostra mente si può rilassare

L’autunno scorso, sono andata a fare un hiking al Dinosaur Valley State Park in Texas. A un certo punto abbiamo dovuto attraversare un largo torrente, quindi mi sono tolta le scarpe e cercavo di mantenere l’equilibrio sulle rocce scivolose. La precaria situazione che avevo di fronte ha permesso alla mente di rilassarsi un po’. Ho sentito una sensazione simile di relax, ricamando, visto che il tedio distrae la mia mente preoccupata. E a dire il vero essere all’aperto usando tutto il mio corpo per concentrarmi è una sensazione tonificante.

4. Essere fisicamente in forma riduce di per sè l’ansia

Non mi piace molto andare in palestra. Non mi sono mai sentita una runner e non mi sento soddisfatta dopo aver fatto yoga o aver sollevato pesi. Sviluppare l’amore per l’hiking mi ha fatto capire che quando si tratta di soddisfare la forma fisica, bisogna trovare ciò è meglio per noi.

Se questo significa camminare per due ore invece di correre per 30 minuti, allora che sia così.

L’importante è che qualsiasi cosa si scelga deve venire naturale, perchè essere attivi ha ripetutamente mostrato che aiuta ad alleviare l’ansia.

5. Il rischio può valere la ricompensa

Durante un hiking a Maui, il mio fidanzato mi ha incoraggiato ad andare fuori dal sentiero tracciato. Io tendo a seguire le regole e a mantenermi sui sentieri designati, ma lui è un avventuriero la cui curiosità tira sempre fuori il meglio di lui. L’ho seguito oltre una staccionata e siamo finiti sua una spiaggia rocciosa con onde che si infrangevano contro gli scogli. Ero nervosa ma emozionata. Ho dato un’occhiata alla mia sinistra e ho visto delle grandi rocce nere che si affacciavano sulla spiaggia. Ho camminato un po’ più vicino e mi sono accorta che erano tartarughe di mare, 20, ognuna di grande diametro, che prendevano il sole sulla spiaggia. Se ci fossimo limitati al sentiero turistico, probabilmente non le avremmo viste. Andare fuori dal selciato può essere rischioso, ma molte volte il rischio vale la candela.

6. Il silenzio non è una cosa negativa

Ho la cattiva abitudine di parlare incessantemente per riempire i silenzi quando sono con gente che non conosco bene. Anche se devo ancora andare a fare hiking con qualcuno con cui non sono in confidenza o un famigliare, ho imparato a sentirmi a mio agio nei naturali (e lunghi) periodi di silenzio con chi mi accompagna. Non sento il bisogno di conversazioni senza senso, e questo si è tradotto nella mia vita quotidiana. Mi ritrovo attivamente a non dire qualcosa tanto per dire, sia che mi trovi in macchina con mia madre, che stia pranzando con un collega o che semplicemente mi trovi con amici.

7. Non tutto deve essere magico

Nonostante il mio recente amore per l’hiking, non sono abbastanza fortunata da vivere in una zona con bellissime montagne e sentieri infiniti. Quando mi ci sono trasferita a Dallsa, ho fatto alcune ricerche, cercando di trovare il posto perfetto per andare a fare hiking. E anche se la maggior parte dei sentieri qui impallidiscono a confronto con quelli nelle Hawaii o in New Mexico, ho scoperto che i benefici che ne traggo sono più o meno gli stessi: sono capace di rilassarmi, prendere una pausa dalle preoccupazioni della mia mente e semplicemente mi godo il tempo all’aperto. Sicuramente le Hawaii sono bellissime, ma c’è del bello anche nei sentieri del Texas.

Sono contenta di dire che ho portato il lavoro dei miei sogni al successo, ma ho ancora importanti fattori di stress nella mia vita. E ho scoperto che prendere qualche ora ogni weekend per andare a fare hiking (o anche solo camminare nella foresta) aiuta a rilassarmi. E mi fa sentire capace di poter sopportare qualsiasi cosa.