Hai bisogno di rinunciare al caffè se hai l'ansia?


by   |  LETTURE 553
Hai bisogno di rinunciare al caffè se hai l'ansia?

A volte, dopo la tua birra fredda, potresti aver notato che diventi nervoso, che la tua mente salta da un pensiero all'altro, o il tuo cuore batte come se fossi sotto tensione o dentro un vortice di stress In altre parole: il caffè può darti gli stessi sintomi delle persone con esperienza di ansia.

Coincidenza? Ovviamente no. I disturbi d'ansia sono la malattia mentale più comune in America e potrebbero essere in crescita. In un sondaggio annuale dell'American Psychiatry Association, il 39% degli intervistati ha dichiarato di essere più ansioso di quanto non fosse l'anno scorso.

E la nostra storia d'amore con il caffè - in media 3,3 tazze al giorno per chi la beve regolarmente - potrebbe peggiorare la situazione.

"La caffeina è un antagonista del recettore dell'adenosina", spiega Mary Margaret Sweeney, Ph.D., istruttrice presso la Johns Hopkins Medicine Behavioral Pharmacology Research Unit.

Scopriamolo: l'adenosina è una sostanza chimica che aiuta a regolare l'eccitazione. Quando si lega ai recettori dell'adenosina, ci rende sonnolenti. Ma quando qualcosa di simile alla caffeina antagonizza l'adenosina, ci sentiamo invece ronzati."

Ecco perché la caffeina stimola", dice Sweeney. "Può essere difficile per qualcuno dire se gli effetti sono dovuti alla caffeina o se la caffeina sta contribuendo agli effetti dell'ansia"

Sebbene tu possa sviluppare una certa tolleranza per la caffeina (a seconda della dose, della frequenza e della percentuale di eliminazione), non sei mai completamente tollerante.

Quindi la caffeina può contribuire ai sintomi di ansia anche se inizi ogni mattina riscaldando il tuo Keurig, dice Sweeney. Tuttavia, la caffeina ha un effetto maggiore sulle persone che non la consumano regolarmente.

La ricerca suggerisce che dosi superiori a 250 milligrammi (circa 2,5 tazze) e certamente quelle superiori a 500 milligrammi hanno più probabilità di scatenare l'ansia (e altri effetti collaterali come insonnia, difficoltà di concentrazione e aritmia cardiaca) .

Ognuno ha il proprio livello di tolleranza, ma le persone con ansia sembrano essere più sensibili agli effetti ansiogeni della caffeina. Quindi potresti mantenere l'abitudine al caffè ma mangiare qualcosa come un'enorme colazione a base di pancake per "diluire" gli effetti della sostanza "nera"? Non così in fretta.

"La caffeina è altamente biodisponibile e quasi il 100% viene assorbito dal corpo", dice Sweeney. Quindi il cibo non cambierà ciò che senti. Solo riducendo l'importo potresti sentire meno gli effetti del caffe'

Potresti non dover smettere del tutto il caffè: diversi tipi di caffè hanno diversi contenuti di caffeina, quindi potresti trovare una miscela che ne contiene meno. Qualunque cosa tu faccia, riducendo gradualmente la pausa caffè, può causare sintomi da astinenza come mal di testa, stanchezza e persino umore depresso.