Perché dovresti prendere un minuto per meditare (quasi) ogni giorno?


by   |  LETTURE 284
Perché dovresti prendere un minuto per meditare (quasi) ogni giorno?

Il nuovo anno è alle porte, un'epoca in cui molti di noi inevitabilmente faranno, e poi abbandoneranno, risoluzioni assurdamente ambiziose: fare più ginnastica o movimento in genere, cominciare una dieta, raggiungere una determinata posizione finanziaria...

Consentitemi invece di proporre una soluzione semplicemente sostenibile: provate a meditare per un minuto nella maggior parte dei giorni, per un solo mese. Formare sane abitudini è difficile, e c'è una ragione per cui la maggior parte delle nostre risoluzioni alla fine va a fuoco.

Potremmo essere cablati per fallire. L'evoluzione ci ha trasmesso un cervello che ottimizza la sopravvivenza, non la pianificazione a lungo termine. La selezione naturale ci ha creato per individuare le minacce e trovare cibo e partner sessuali, non per usare i nostri pensieri e la mente.

Il fatto che ci troviamo di fronte a questa sfida evolutiva è il motivo per cui mi piace questa modesta proposta mensile. Come rendere la meditazione facile
Due aspetti rendono facile l'adozione: In primo luogo, mirare a meditare la maggior parte dei giorni, piuttosto che ogni giorno, è un buon obiettivo.

La coerenza conta: più spesso mediti, più diventa facile e più profondi e più duraturi saranno i benefici, ma se perdi un giorno, il tuo "critico interiore" non avrà la possibilità di chiamarti fallito.

Io chiamo questo approccio "daily-ish" Garantisce una certa elasticità o "flessibilità psicologica": un concetto chiave dalla ricerca sul cambiamento del comportamento, che può aiutare a condurre ad una Abitudine duratura, che si tratti di una pratica di meditazione, di una nuova routine di ginnastica o di un impegno per imparare l'esperanto.

Secondo, un minuto è un obiettivo temporale estremamente basso. La proposizione di un singolo minuto è un impegno che facilmente si puo' affrontare. Inoltre, è scalabile. Dopo un minuto di meditazione, le persone spesso pensano a se stesse: sono contente di quanto hanno fatto e sono piu' benevole anche con se stesse.

Come spiega l'insegnante di meditazione Cory Muscara, questo è un momento chiave, perché ti stai spostando da una motivazione "estrinseca" (cioè, meditando perché lo reputi necessario) alla più potente motivazione "intrinseca" (cioè, meditando perché tu lo vuoi).

E nel momento in cui opti per una maggiore meditazione, lo stai facendo per un interesse reale, il che rende molto più probabile avere un effetto duraturo. L'obiettivo è di meditare almeno un minuto consapevole per 25 dei 30 giorni, in questo modo hai un assaggio di come la consapevolezza possa avvantaggiare la tua vite, dandoti la libertà di perdere un giorno alla settimana senza sentirti di aver ancora una volta mancato un obiettivo che ti eri prefissato.

Come rendere coerente la meditazione
Malgrado si stia parlando di un SOLO MINUTO al giorno...e' sempre meglio investire un po' di tempo per fare in modo che questa pratica diventi una routine quotidiana (e dico anche piacevole): Pensa in modo strategico al tuo programma
Alcune persone scoprono che avere un orario fisso ogni giorno, proprio prima di andare a letto, la prima cosa al mattino, subito dopo un allenamento, aiuta a stabilire un'abitudine.

Gli scienziati che studiano la formazione dell'abitudine parlano di "routine, ricompensa" Lo puoi sperimentare creando un programma settimanale e fissare proprio il momento in cui mediterai...in questo modo non comincerai a rimandare a "piu' tardi" e di solito rimandare comporta che arriva sera e non hai piu' voglia di fare nulla e quindi salterai la seduta giornaliera!

Quindi fissa un orario o un momento in cui mediterai! Ad esempio, "Dopo essermi alzato e fatto colazione [momento], mediterò per cinque minuti [routine], e mi sentirò un po' più calmo e più consapevole [ricompensa]."

Ripeti questo ciclo per assorbire l'abitudine. Puoi anche mettere la tua sessione di meditazione quotidiana nel tuo calendari. Detto questo, se, come me, hai un programma imprevedibile, pensare in modo strategico potrebbe voler dire cercare di adattare la tua meditazione quando e dove puoi.